75 anni di Unimog

Sono passati 75 anni dalla consegna del primo Unimog prodotto in serie
19 Marzo 2024
6 mins read
Il primo prototipo di Unimog U1, ancora senza cabina (9 ottobre 1946)

Esattamente 75 anni fa, il primo Unimog veniva consegnato a un cliente vicino a Stoccarda. Il veicolo ha lasciato i cancelli dello stabilimento dell’azienda di ingegneria meccanica Gebrüder Boehringer a Göppingen, nel sud-ovest della Germania e fu consegnato il 19 marzo 1949 dal distributore generale Unimog Kloz a Fellbach, pochi mesi dopo l’inizio della produzione. Questo fu l’inizio della storia di successo internazionale di 75 anni dell’Universal Motor Gerät, come è noto in tedesco: Unimog.

La prima unità

Il primo Unimog di serie della serie 70200 con il numero di identificazione del veicolo 003, con il logo stilizzato della testa di bue Boehringer sul cofano, è stato consegnato ad un cliente di Hößlinswart. I due Unimog con i numeri di identificazione 001 e 002 furono costruiti come veicoli di prova solo per scopi interni e non furono venduti. Per la prima volta il veicolo univa i vantaggi di trattori, porta attrezzi e camion, differenziandosi significativamente da tutti i trattori convenzionali allora disponibili sul mercato, non solo esteticamente, ma anche in termini di versatilità.

In brevissimo tempo, la domanda per il versatile Unimog nella Germania del dopoguerra, in gran parte devastata, divenne così grande che la capacità di produzione di Boehringer raggiunse rapidamente i suoi limiti. L’ascesa dell’Unimog continuò dall’autunno 1950 sotto la direzione dell’allora Daimler-Benz AG. La produzione del veicolo a trazione integrale iniziò nel giugno 1951 nello stabilimento di Gaggenau e nell’agosto 2002 fu trasferita nello stabilimento di Wörth. Oggi questo fuoristrada e porta attrezzi con la sua lunga tradizione non solo è ampiamente conosciuto, ma è anche un veicolo all’avanguardia che è stato impiegato in settori quali comuni, vigili del fuoco, soccorsi in caso di calamità, agricoltura e militare.

Storia di una leggenda e della sua origine

Subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, Albert Friedrich, direttore tecnico della fabbrica di articoli in metallo nobile Erhard & Söhne a Schwäbisch Gmünd e in precedenza responsabile della progettazione di motori aeronautici presso Daimler-Benz, iniziò a sviluppare un’opera compatta a trazione integrale con quattro ruote di uguali dimensioni e una potenza del motore di 25 CV. Era destinato principalmente all’uso agricolo, ma anche come motore stazionario e veicolo di consegna per l’industria agricola con una velocità fino a 50 km/h. Queste prime considerazioni dovevano soddisfare i severi criteri del Piano Morgenthau nella zona di occupazione americana, il cui obiettivo era trasformare la Germania in uno Stato puramente agricolo.

Nell’autunno del 1945 furono realizzati i primi disegni di Friedrich per un tuttofare agricolo così versatile con una carreggiata di 1.270 millimetri, una dimensione corrispondente esattamente a due file di patate. Altre caratteristiche erano il tetto e il parabrezza pieghevoli, una trasmissione per attrezzi agricoli nella parte anteriore, un attrezzo di traino nella parte posteriore e una piattaforma ausiliaria dietro il sedile del conducente. Per implementare questo concetto, Friedrich riunì attorno a sé un team dedicato di sviluppatori, tra cui il suo ex dipendente Heinrich Rößler, che in precedenza aveva lavorato anche nello sviluppo di autovetture e motori presso Daimler-Benz. Calzava come un guanto: dalla fine della guerra Rößler lavorò come operaio agricolo, attingendo da questo bagaglio di esperienze e diventando capo progettista del primo prototipo.

Esattamente 75 anni fa, il primo Unimog veniva consegnato a un cliente vicino a Stoccarda. Il veicolo ha lasciato i cancelli dello stabilimento dell’azienda di ingegneria meccanica Gebrüder Boehringer a Göppingen, nel sud-ovest della Germania. Il primo veicolo in assoluto fu consegnato il 19 marzo 1949 dal distributore generale Unimog Kloz a Fellbach, pochi mesi dopo l’inizio della produzione. Questo fu l’inizio della storia di successo internazionale di 75 anni dell’Universal Motor Gerät, come è noto in tedesco: Unimog.

Il primo Unimog di serie della serie 70200 con il numero di identificazione del veicolo 003, con il logo stilizzato della testa di bue Boehringer sul cofano, è stato consegnato ad un cliente di Hößlinswart. I due Unimog con i numeri di identificazione 001 e 002 furono costruiti come veicoli di prova solo per scopi interni e non furono venduti. Per la prima volta il veicolo univa i vantaggi di trattori, porta attrezzi e camion, differenziandosi significativamente da tutti i trattori convenzionali allora disponibili sul mercato, non solo esteticamente, ma anche in termini di versatilità.

In brevissimo tempo, la domanda per il versatile Unimog nella Germania del dopoguerra, in gran parte devastata, divenne così grande che la capacità di produzione di Boehringer raggiunse rapidamente i suoi limiti. La vittoria dell’Unimog continuò dall’autunno 1950 sotto la direzione dell’allora Daimler-Benz AG. La produzione del veicolo a trazione integrale iniziò nel giugno 1951 nello stabilimento di Gaggenau e nell’agosto 2002 fu trasferita nello stabilimento di Wörth. Oggi questo fuoristrada e porta attrezzi con la sua lunga tradizione non solo è ampiamente conosciuto, ma è anche un veicolo all’avanguardia che è stato impiegato in settori quali comuni, vigili del fuoco, soccorsi in caso di calamità, agricoltura e militare.

Foto scattata presso la sede dell’azienda Boehringer a Göppingen. Sullo sfondo si vede il capannone dell’Unimog dove venivano fabbricati i veicoli. Inizialmente venivano prodotti da sette a nove veicoli a settimana. Un dettaglio interessante del terzo veicolo: un tergicristallo aggiuntivo sul lato passeggero.

1949: Inizia la produzione industriale presso Gebrüder Boehringer a Göppingen

La produzione in serie dell’Unimog iniziò nel 1949 presso Gebrüder Boehringer nella “Staufertown” Göppingen, alla periferia delle Alpi Sveve, dopo che il produttore di macchine Rolf Boehringer di Erhard & Söhne aveva rilevato la produzione dell’unità motorizzata universale. In assenza di una linea di produzione e in gran parte a mano, i circa 90 dipendenti costruivano fino a 50 veicoli al mese. Boehringer ha prodotto un totale di 600 Unimog della serie U 70200, di cui 44 unità per l’esercito svizzero. Ciò ha confermato l’idoneità dell’Unimog, che in precedenza era stato utilizzato esclusivamente per scopi agricoli, anche per altri settori dove si registrava un crescente interesse per questo straordinario concetto di veicolo. Due di questi Unimog originali della produzione Boehringer sono esposti al Museo Unimog di Gaggenau: il prototipo U 6, il secondo Unimog più antico ancora oggi esistente, e un Unimog della prima serie con il modello 70200.

Il primo Unimog di serie (serie U 70200) con falciatrice-legatrice e parabrezza abbassato durante una dimostrazione davanti a un pubblico esperto al castello di Staufeneck (Göppingen) il 18 ottobre 1948

1950: Daimler-Benz AG rileva la produzione dell’Unimog

Poiché le quantità richieste richiedevano investimenti elevati, nell’autunno del 1950 la Daimler-Benz AG acquistò l’azienda Unimog, compresi tutti i brevetti e gli impianti di produzione, compreso il team di sviluppo e il nuovo team di vendita. In un documento di due pagine l’acquisizione è stata documentata contrattualmente in cinque punti ed è stato concordato un prezzo di acquisto di 600.000 marchi tedeschi. Guardando indietro, questo era un affare e un pezzo di carta davanti al quale gli avvocati scuoterebbero la testa oggi. Anche i due padri del concetto automobilistico passarono alla Daimler-Benz: Albert Friedrich fu responsabile dell’Unimog in qualità di direttore tecnico fino al 1958, mentre Heinrich Rößler, capo progettista dell’Unimog presso Boehringer, rimase in questa posizione alla Mercedes-Benz nel Gaggenau fino al 1976.

A metà del 1951 nello stabilimento di Gaggenau iniziò la produzione dell’Unimog con la serie di modelli 2010 – riferimento al centro di costo 2010 presso il reparto agricolo di Erhard & Söhne, dove furono prodotti i primi prototipi. Nel 1953 con le serie di modelli 401 e 402 furono apportati numerosi ulteriori sviluppi: per la prima volta, una cabina chiusa, interamente in acciaio resistente agli urti, completò la precedente cabina “cabriolet” con il suo tetto pieghevole. Ha reso il lavoro degli autisti al volante molto più sicuro e ha garantito una migliore protezione, ad esempio durante il lavoro nei cantieri. Dal maggio 1953 l’Unimog portava oltre al logo della testa di bue fino ad allora utilizzato anche la stella Mercedes, che venne rimossa definitivamente solo nel settembre 1955. Da allora l’Unimog è stato continuamente evoluto e migliorato ed è sempre stato adattato alle esigenze i profili dei requisiti più aggiornati.

Molte funzionalità sono cambiate, ma il design di base è rimasto lo stesso

Da oltre settant’anni l’Unimog si dimostra un versatile cavallo di battaglia. Dalla consegna del primo veicolo nel 1949, fino ad oggi sono usciti dalla linea di produzione più di 375.000 Unimog. E questa non è una sorpresa, perché l’Unimog affronta terreni estremi, trascina interi treni merci su rotaie come veicolo a doppio senso e dispone di spazio per attrezzi e carrozzeria per l’azionamento di un’ampia gamma di attrezzi.

Il suo concetto di base è rimasto invariato: quattro ruote della stessa dimensione, il design del telaio di un camion, elevata capacità fuoristrada grazie agli assi a portale con molle elicoidali, trazione integrale con bloccaggio del differenziale anteriore e posteriore, dimensioni compatte con quattro attacchi e spazi di installazione della carrozzeria e la possibilità di azionare attrezzature e sovrastrutture nella parte anteriore, centrale, laterale e posteriore, nonché il funzionamento di un albero di presa di forza anteriore, centrale e posteriore. A ciò si aggiungeva la velocità relativamente elevata di 50 km/h di allora e fino a 89 km/h di oggi, che consente al veicolo anche di essere utilizzato sulle autostrade per coprire distanze più lunghe.

Ultima serie di modelli Unimog

I portattrezzi Unimog da U 219 a U 535 si contraddistinguono su strada, nel trasporto ristretto urbano e nei cantieri, e fuoristrada, per dimensioni estremamente compatte, numerose interfacce, sistemi operativi all’avanguardia, impiego tutto l’anno , funzionamento economico, elevati livelli di ergonomia e sicurezza, nonché compatibilità con numerosi produttori di attrezzi e allestitori qualificati. Con il cambio manuale a risparmio di carburante, la trasmissione idrostatica e la molla idraulica per l’abbassamento e la stabilizzazione del telaio, il focus del portattrezzi è nel settore municipale e ovunque sia necessario un funzionamento affidabile dell’attrezzo e, soprattutto, la combinazione di più attrezzi installati su un veicolo necessario.

Nell’ambito del progetto “WaVe”, dal 2023 viene sottoposto a test intensivi il primo prototipo di portattrezzi Unimog con motore a combustione a idrogeno (WaVe). Gli sviluppatori hanno già fatto rifornimento presso le stazioni di rifornimento pubbliche, hanno completato con successo salite e viaggi accelerati e testato le sue prestazioni nelle operazioni di falciatura. Si è anche discusso se e in che misura il motore a combustione a idrogeno possa servire come utile complemento alle varianti di propulsione elettriche a batteria e basate su celle a combustibile.

I nostri argomenti

Advertising

Advertising

Advertising

Advertising

MAGAZINE

NEWSLETTER

Vaisu

Don't Miss

UNRAE

UNRAE, positivo il mercato dei veicoli commerciali in Italia: a maggio +6,7%

Con 18.540 immatricolazioni, il mercato dei veicoli commerciali si conferma
HYVIA

HYVIA e HYPE uniscono le forze per decarbonizzare la mobilità a idrogeno

La joint-venture del Gruppo Renault e Plug, HYVIA ha stretto