Mercedes-Benz Vito ed eVito 2024: più comfort, sicurezza e connettività

Per entrambi i veicoli più comfort, sicurezza, funzionalità e connettività digitale. Ma anche design moderno abbinato a un equipaggiamento di serie migliorato
19 Giugno 2024
1 min read
Vito

I nuovi Mercedes-Benz Vito ed eVito ono stati aggiornati con diversi interventi che ne hanno potenziato l’attitudine ad accompagnare il business con quel tocco di lusso e di classe in più che fa la differenza.

Le novità di Vito ed eVito

Partendo dal Vito, con peso lordo compreso tra 2,8 e 3,2 tonnellate, il veicolo è disponibile come furgone, Mixto e Tourer. Disponibile dal 2018 anche in versione elettrica a batteria, è offerto in tre lunghezze, con due passi e due sistemi di trazione.

Sia il nuovo Vito che il nuovo eVito hanno compiuto un importante passo avanti, soprattutto in termini di connettività, e per la prima volta sono dotati del sistema multimediale MBUX che assicura navigazione intelligente e, sulla versione a batteria, una gestione attiva dell’autonomia con la massima sicurezza di pianificazione.

Design, comfort e prezzi

A questo intervento si aggiungono un nuovo design degli esterni e degli interni, nuovi e più estesi sistemi di assistenza, ma anche equipaggiamenti dedicati al comfort come il portellone posteriore elettrico, i fari a LED e la nuova console centrale. Ci sono novità anche dal punto di vista della propulsione: se per l’eVito elettrico è stato ottimizzato il sistema di gestione termica, nel corso dell’anno alla gamma verrà aggiunto un motore a benzina con tecnologia mild hybrid.

I prezzi di vendita del nuovo Vito partono da 36.557 euro come furgone e da 45.888 euro nella versione Tourer. Il nuovo eVito è disponibile come furgone a partire da 49.441 euro e l’eVito Tourer da 63.549 euro.

I nostri argomenti

Advertising

Advertising

Advertising

Advertising

MAGAZINE

NEWSLETTER

Vaisu

Don't Miss

Iaconi, Lamberet: temperatura controllata chiama innovazione

È ormai una considerazione ricorrente, un paradigma usato da tutti

Industria 5.0: non una corsa all’agevolazione ma un investimento

La base di partenza non deve essere il desiderio di