Renault Trucks cresce nel 2023 del 18%

Un 2023 di ottimi risultati quello vissuto dalla Casa della losanga
18 Marzo 2024
3 mins read

Con 69.859 consegne effettuate, Renault Trucks registra per il 2023 una crescita del 18% rispetto al 2022. A sostenere la crescita anche i veicoli elettrici, protagonisti indiscussi del processo di decarbonizzazione intrapreso dalla Losanga.

Il fatturato nel dettaglio

Nonostante il persistere di alcune difficoltà nelle supply chain che hanno interessato alcuni periodi del 2023, il Costruttore francese ha chiuso un ottimo 2023 con un fatturato così suddiviso:

  • Europa: 62.476 veicoli fatturati
  • Resto del mondo: 7.383 veicoli fatturati
  • Gamma alta e intermedia: 40.833 veicoli fatturati
  • Veicoli commerciali: 29.026 veicoli fatturati

A livello internazionale, malgrado un contesto geopolitico complesso, le vendite di Renault Trucks continuano a crescere: +8,7% rispetto al 2022, con 7.383 veicoli fatturati. La quota di mercato dell’azienda è in aumento nella maggior parte dei paesi, tra cui Indonesia (12%), Cile (6,8%), Marocco (18%) e Tunisia (21%). In questo trend favorevole, Renault Trucks è stata affiancata da nuovi partner per sostenerne lo sviluppo in Turchia, Algeria, Kenya.

Il ruolo dei veicoli elettrici

Nel 2023 Renault Trucks ha venduto 1.636 veicoli elettrici, con un aumento del 153% rispetto all’anno precedente. Le unità vendute appartengono alla gamma elettrica alta e intermedia, con 624 veicoli, e ai commerciali elettrici, con 1.012 veicoli fatturati.

La gamma full electric dei veicoli Renault Trucks
La gamma full electric dei veicoli Renault Trucks

Il ruolo degli usati

Nel 2023 Renault Trucks ha riconvertito 95 autocarri usati nello stabilimento di Bourg en Bresse: un numero di veicoli trasformati piuttosto basso che si spiega con la mancanza di disponibilità di veicoli usati e livelli di stock sempre molto bassi (1.200 unità). Nel 2022 Renault Trucks ha prolungato la vita di 250 autocarri dei clienti ricondizionandoli nel suo Used Trucks Centre di Saint Priest (offerta Restart). Gli autocarri rigenerati o riconvertiti appresentano un risparmio concreto di 6 tonnellate di materie prime, 7 tonnellate di CO2, 7 MWh di energia e 185 m3 di acqua.

A questa attività si affianca quella di retrofit per la conversione da veicolo diesel a elettrico per le motrici della flotta Neotrucks: veicoli logistici, limitati a 25 km/h, renault-trucks.it utilizzati per movimentare semirimorchi in siti industriali o logistici privati. Nel 2023 sono state convertite 25 motrici stradali e nel 2024 sono previste 40 unità.

Renault Trucks ha inoltre realizzato nel 2023 un progetto di retrofit elettrico in collaborazione con Novumtech e con il sostegno finanziario dell’ADEME. Un autocarro diesel da 12 tonnellate è stato trasformato in autocarro elettrico a batteria. La fase successiva del progetto prevede l’ottenimento nel 2024 dell’omologazione dell’autocarro trasformato per confermarne la conformità alle normative vigenti. Renault Trucks avvierà in seguito una fase di test in condizioni operative reali, in collaborazione con Clovis Grand Paris.

La gamma completa di veicoli Renault Trucks
La gamma completa di veicoli Renault Trucks

Investimenti strategici per un futuro sostenibile

Renault Trucks prepara attivamente il suo futuro attraverso investimenti strategici volti a rafforzare la redditività a lungo termine dei suoi stabilimenti e a costruire un futuro solido e sostenibile basato sull’innovazione. Nel 2023 è stato inaugurato ufficialmente il nuovo centro di ricerca e sviluppo “X-Tech Arena” presso lo stabilimento di Saint Priest (Lione). La struttura di oltre 11.000 mq ospita 1.000 ingegneri esperti, ricercatori e team degli acquisti; la scelta di una sede comune intende semplificare le interazioni tra i team e accelerare i processi di validazione e concretizzazione dei progetti per lo sviluppo delle future soluzioni di trasporto. Realizzata dallo studio ARCHIGROUP, affiancato da un esperto dello sviluppo sostenibile (ETAMINE), la struttura sarà più efficiente del 25% dal punto di vista energetico rispetto a quanto richiesto dalla normativa francese e prevede un investimento di 33 milioni di euro.

Nel 2023 Renault Trucks ha anche festeggiato l’apertura di CampX, un’area dedicata all’innovazione presso la sede di Lione che ha la missione di accelerare lo sviluppo tecnologico e commerciale facilitando la collaborazione tra i team interni e i partner esterni, soprattutto start-up.

Renault Trucks, impegnata nella transizione energetica e ambientale dei suoi stabilimenti, ha lanciato un ambizioso progetto in collaborazione con TotalEnergies per l’installazione di 17 ettari di pensiline fotovoltaiche nello stabilimento industriale di Bourg en Bresse. L’elettricità generata coprirà l’equivalente dei consumi di 17.500 abitanti. Parte dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico sarà utilizzata per i consumi interni dello stabilimento. Il 30% del consumo di elettricità del sito sarà quindi fornito dalle pensiline, che avranno anche il vantaggio di riparare i veicoli del personale e i veicoli pesanti prodotti nello stabilimento.

Infine Renault Trucks ha appena presentato i piani per la costruzione di un nuovo centro di distribuzione mondiale di pezzi di ricambio presso lo stabilimento di Saint Priest, che andrà a sostituire impianti più vecchi. La realizzazione di questa nuova piattaforma logistica all’avanguardia rappresenta un investimento totale di 132 milioni di euro, a dimostrazione dell’impegno dell’azienda francese e del Gruppo Volvo, di cui fa parte, per la sostenibilità dei mezzi di produzione e per riaffermare il forte radicamento locale di Renault Trucks nell’area metropolitana di Lione.

I nostri argomenti

Advertising

Advertising

Advertising

Advertising

MAGAZINE

NEWSLETTER

Vaisu

Don't Miss

UNRAE

UNRAE, positivo il mercato dei veicoli commerciali in Italia: a maggio +6,7%

Con 18.540 immatricolazioni, il mercato dei veicoli commerciali si conferma
HYVIA

HYVIA e HYPE uniscono le forze per decarbonizzare la mobilità a idrogeno

La joint-venture del Gruppo Renault e Plug, HYVIA ha stretto