UNRAE, cresce il mercato dei veicoli commerciali ad aprile e anche il parziale annuo è molto positivo

Il primo quadrimestre dell’anno archivia un incremento del 19,8% a 72.753 unità rispetto alle 60.735 del gennaio-aprile 2023
15 Maggio 2024
2 mins read
UNRAE

Il mercato dei veicoli commerciali, secondo i dati UNRAE, cresce ad aprile con un +20,9% e 2.850 unità in più delle 13.624 dello stesso mese dello scorso anno. Il primo quadrimestre dell’anno archivia un incremento del 19,8% a 72.753 unità rispetto alle 60.735 del gennaio-aprile 2023.

UNRAE, i numeri nel dettaglio del mercato dei veicoli commerciali

La struttura del mercato del 1° quadrimestre 2024, con dati quasi definitivi, confrontata con lo stesso periodo 2023, fra i canali di vendita evidenzia per i privati una crescita a doppia cifra meno dinamica del mercato totale, che porta alla perdita di 1,2 punti di quota, al 15,0% del totale.

Il noleggio a lungo termine continua a trainare il mercato, guadagnando altri 3 punti di quota e salendo al 33,9% del totale, grazie alla spinta delle società Top; il breve termine sale al 5,8% di share (+0,8 p.p.).

Enti e società mantengono la prima posizione, ma con una quota che retrocede di 2,1 punti, al 37,7% di share, appena 3,8 punti in più del noleggio a lungo. Le autoimmatricolazioni cedono mezzo punto al 7,5%.

Sul fronte delle motorizzazioni, nel 1° quadrimestre il diesel guadagna altri 2,8 punti di quota, all’82,3% del mercato. Il motore a benzina scende al 4,0% di share (-0,8 p.p.), mentre 0,8 punti sono recuperati dai veicoli ibridi, al 9,1% del totale. Il gpl scende al 2,7%, il metano allo 0,1% come i veicoli plug-in. La quota dei veicoli BEV è più che dimezzata, all’1,7% del totale.

Di conseguenza, la CO2 media ponderata dei veicoli con ptt fino a 3,5 t nel 1° quadrimestre dell’anno cresce del 6,2% a 194,3 g/Km (rispetto ai 183,0 g/Km dello stesso periodo 2023).

Si attendono i nuovi incentivi

L’UNRAE ricorda che per l’avvio dei nuovi incentivi manca ancora la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DPCM, che si auspica avvenga finalmente entro questa settimana. “Nel frattempo, con un DPCM annunciato da ben tre mesi e mezzo, il mercato dei veicoli a zero emissioni continua ad essere bloccato, con una quota dei veicoli BEV all’1,7% nel quadrimestre rispetto al 3,6% del corrispondente quadrimestre 2023”, fa notare il Presidente dell’UNRAE Michele Crisci.

In sintesi, le misure del nuovo schema 2024 prevedono:
a) Bonus per i veicoli a zero emissioni, sia a fronte di rottamazione che senza;
b) Estensione dell’incentivo alle altre alimentazioni a fronte di rottamazione (con importi
inferiori);
c) Estensione alle società di noleggio;
d) Conferma della gradualità del bonus in funzione della massa del veicolo incentivato.
“Riguardo alle infrastrutture di ricarica pubbliche in aree urbane ed extra-urbane, l’UNRAE
chiede di accelerare le tempistiche di pubblicazione dei nuovi bandi”, ribadisce il Presidente dell’UNRAE Michele Crisci.

“Come già più volte richiesto, auspichiamo che il MASE adotti le misure opportune per stimolare una più ampia partecipazione alle gare e risolvere le problematiche che hanno portato alla scarsa adesione in ambito extra-urbano, e più di recente alla rinuncia da parte di uno dei due principali aggiudicatari in ambito urbano, al fine di garantire il pieno utilizzo delle risorse stanziate (circa 360 milioni di euro) per lo sviluppo di un’infrastruttura di ricarica capillare e di potenza adeguata, anche su autostrade e superstrade”.

Inoltre, per la massima diffusione delle infrastrutture di ricarica, l’UNRAE continua a ribadire la richiesta di prevedere anche un credito d’imposta al 50% per gli investimenti privati in ricariche fast (oltre 70 kW) almeno fino al 2025. Infine, l’UNRAE mostra sconcerto per la decisione di sottrarre dal Fondo Automotive 330 milioni di euro da destinare alle coperture del decreto Coesione, evidenziando la necessità che gli stessi tornino presto al settore automotive per lo sviluppo della mobilità nel nostro Paese.

I nostri argomenti

Advertising

Advertising

Advertising

Advertising

MAGAZINE

NEWSLETTER

Vaisu

Don't Miss

Associazioni

Le Associazioni dell’Autotrasporto: “Congestion fee imprescindibile da subito”

Si è tenuta nelle scorse ore una importante riunione tra
ANAV

“Consulta dei costruttori di autobus”: un tavolo di confronto tecnico organizzato da ANAV

ANAV (Associazione di Confindustria del trasporto passeggeri con autobus) ha