Neet: a che punto siamo con le nuove generazioni indecise?

Neet, fenomeno tipico delle società maggiormente industrializzate, che stenta a trovare una soluzione
21 Aprile 2024
1 min read
Un grafico sul numero dei Neet in Italia pubblicato dal sito di fact-cheking Pagella politica

Siamo alle solite. Una situazione problematica migliora, ma non abbastanza. Ci sembra comunque giusto segnalare quanto riportato da Istat e ripreso oggi da il Corriere della sera in merito ai neet, ossia i giovani che non studiano, non stanno facendo formazione e non lavorano.

Ecco, secondo Istat, dopo i picchi del 2018 e più recentemente quelli raggiunti a causa dell pandemia, sembra che il numero di Neet in Italia sia in calo, attestandosi a 2,1 milioni (tenendo conto della fascia d’età più ampia, dai 15 ai 34 -!- anni) contro i 3.155.000 nel primo trimestre del 2021.

Mancano lavoratori in quasi tutti i settori

Tutti i settori produttivi un po’ in tutta Europa segnalano una grave carenza di personale, non solo qualificato ma anche disposto a “farsi qualificare”. Quindi è possibile (sperabile) che il calo registrato tra i Neet sia dovuto al fatto che molti abbiano finalmente deciso di rispondere all’appello delle aziende. Va comunque segnalato che la risposta a questo appello è comunque inferiore in Italia rispetto al resto d’Europa. Il nostro paese infatti è al terzo posto per numero di Neet dopo Grecia e Romania.

Resta comunque il fatto, molto preoccupante, che dei due milioni, ben 1.400.000 abbiano proprio smesso di cercarlo, il posto di lavoro.

I nostri argomenti

Advertising

Advertising

Advertising

Advertising

MAGAZINE

NEWSLETTER

Vaisu

Don't Miss

Deep Blue

L’intelligenza artificiale nell’aviazione: i progetti di Deep Blue

Deep Blue è la prima PMI in Italia per numero

Elezioni europee 2024: le idee che FdI e PD porteranno a Strasburgo

Seggi chiusi con un’affluenza inferiore al 50 per cento che