UNRAE, positivo il mercato dei veicoli commerciali in Italia: a maggio +6,7%

13 Giugno 2024
1 min read

Con 18.540 immatricolazioni, il mercato dei veicoli commerciali si conferma in crescita a maggio, con una variazione positiva del 6,7% rispetto allo stesso mese del 2023, quando venivano immatricolati 17.383 veicoli. Il parziale annuo (gennaio-maggio) registra un importante incremento quasi del 17% rispetto al 2023.

Le motorizzazioni a zero emissioni, complice l’assenza degli incentivi, a maggio continuano ad essere bloccate; in questo caso il parziale annuo è pari all’1,7%, contro il 3,8% fatto registrare nello stesso periodo del 2023.

Gli incentivi terminati in un battito d’ali

Lo scorso 25 maggio è stato pubblicato il DPCM 20 maggio 2024 che rende operativi i nuovi incentivi da quella data. Con l’apertura della piattaforma per il caricamento degli ordini raccolti, il 3 giugno scorso, in una sola giornata sono andati esauriti i quasi 13 milioni destinati all’acquisto di veicoli BEV.

Un click day preannunciato, frutto di incentivi dichiarati, ma resi operativi 6 mesi dopo. Gli incentivi per i veicoli da lavoro prevedono uno stanziamento complessivo di 53 milioni di euro destinati a: veicoli a zero emissioni con e senza rottamazione, altre alimentazioni a fronte di rottamazione, società di noleggio, e bonus graduali in funzione della massa del veicolo incentivato.

I numeri del mercato nel dettaglio

La struttura del mercato dei primi 5 mesi 2024, con dati quasi definitivi, confrontata con lo stesso periodo 2023, fra i canali di vendita evidenzia per i privati la perdita di 0,8 punti di quota (al 15,1%), nonostante un incremento a doppia cifra dei volumi. Il noleggio a lungo termine continua a trainare il mercato, guadagnando 1/4 delle immatricolazioni e altri 2,3 punti di quota e salendo al 33,1% del totale, grazie alla spinta delle società Top, a fronte di una flessione delle Captive. Il breve termine sale di 0,6 punti al 6,2% di quota, enti e società mantengono la prima posizione, ma con una quota che retrocede di 1,2 punti, al 38,4% di share. Le autoimmatricolazioni cedono 0,8 punti al 7,3%.

Per il diesel quota di mercato dell’82,6%

Sul fronte delle motorizzazioni, in gennaio-maggio il diesel guadagna altri 3,5 punti di quota, all’82,6% del mercato. Il motore a benzina scende al 4,0% di share (-0,6 p.p.), mentre i veicoli ibridi salgono di mezzo punto, all’8,8% del totale. Il gpl scende al 2,7%, il metano allo 0,1% come i veicoli plug-in. La quota dei veicoli BEV è più che dimezzata, all’1,7% del totale. Di conseguenza, la CO2 media ponderata dei veicoli con ptt fino a 3,5 t nei 5 mesi dell’anno cresce del 5,9% a 194,7 g/Km (rispetto ai 183,9 g/Km dello stesso periodo 2023).

Sul fronte delle infrastrutture per la transizione energetica il Presidente Michele Crisci stigmatizza la situazione: “Permane il tema dello sviluppo delle infrastrutture di ricarica veloci (oltre 70 kW) per le quali UNRAE richiede da tempo un credito di imposta al 50% per investimenti privati almeno fino al 2025”.

I nostri argomenti

Advertising

Advertising

Advertising

Advertising

MAGAZINE

NEWSLETTER

Vaisu

Don't Miss

Manifesto IRU: ecco le priorità del nuovo Parlamento europeo per un trasporto che guarda al futuro

L’industria del trasporto stradale commerciale è la spina dorsale dell’economia
Brennero

Brennero, nuove limitazioni in vista. Le associazioni fanno appello a Salvini

Dopo l’annuncio di Asfinag – la società pubblica di gestione